Trending February 2024 # Come Ottenere Abbonati Youtube Gratis (E Senza Trucchi!) # Suggested March 2024 # Top 8 Popular

You are reading the article Come Ottenere Abbonati Youtube Gratis (E Senza Trucchi!) updated in February 2024 on the website Tai-facebook.edu.vn. We hope that the information we have shared is helpful to you. If you find the content interesting and meaningful, please share it with your friends and continue to follow and support us for the latest updates. Suggested March 2024 Come Ottenere Abbonati Youtube Gratis (E Senza Trucchi!)

Scopri come convincere tutti a cliccare sul pulsante Iscriviti e ottenere abbonati YouTube reali e gratuiti utilizzando strategie consentite.

Ottenere abbonati YouTube gratuiti è il modo migliore per massimizzare la tua copertura organica sul secondo sito Web più grande del mondo. E se il tuo obiettivo è guadagnare su YouTube, raggiungere un alto numero di iscritti al tuo canale è fondamentale.

Ad esempio, hai bisogno di almeno 1.000 iscritti per diventare partner di YouTube e iniziare a guadagnare dalla pubblicità. E più iscritti hai, più in alto salirai nella scala dei benefici di YouTube (pensa: avrai premi, oltre ad aiuti alla produzione, a partire da quando raggiungi i 100.000 iscritti).

E se prevedi di utilizzare YouTube per il branding e il marketing video, invece di usarlo “solo” per guadagnare? Hai ancora bisogno di abbonati. Che aumentano il numero di riproduzioni, fanno salire il tempo di visualizzazione e il coinvolgimento: sono tutti segnali importanti per l‘algoritmo di YouTube.

Puoi anche guardare il video qui sotto, in lingua inglese, per ottenere i nostri 7 migliori consigli su come ottenere abbonati YouTube:

Perché non dovresti acquistare abbonati YouTube

Intendiamoci: comprendiamo l’impulso di acquistare abbonati YouTube. E non ti faremo vergognare per questo.

Ma è importante che tu sappia che non funzionerà.I creator di video che gestiscono i migliori canali YouTube del mondo non stanno spendendo tempo o denaro in schemi di crescita poco trasparenti. Perché sono troppo occupati a realizzare video fantastici.

Prima di ogni altra cosa, diamo un’occhiata a come funzionano i servizi per abbonati YouTube “gratuiti”. (Sempre tenendo presente che niente è veramente gratis. Perché, come dice il proverbio: “Se non stai pagando il prodotto, il prodotto sei tu”)

Puoi ottenere i tuoi abbonati “gratuiti” iscrivendoti e apprezzando altri canali, come indicato dal servizio. La maggior parte ti chiede di iscriverti a 20 canali e di mettere mi piace a un certo numero di video di YouTube. In cambio, 10 canali si iscriveranno al tuo.

Il servizio spera che ti annoi di cliccare all’infinito dopo pochi giorni e che di conseguenza tu decida invece di pagare per gli abbonati YouTube. In ogni caso, il servizio vince: o ottiene il tuo tempo o i tuoi soldi. Al contrario, che tu ottenga abbonati tramite un programma gratuito o pagando, cosa ottieni davvero?

Abbonati bot, che non interagiscono

Una pessima immagine per il tuo vero pubblico, che probabilmente va alla ricerca di autenticità

Il rischio di entrare in conflitto con le norme di coinvolgimento fasullo di YouTube (e per questo potresti incorrere nel ban, con conseguente cancellazione del tuo canale)

Potenziali occhiatacce e bassa considerazione da parte di qualsiasi marchio che avrebbe voluto collaborare con te.

In conclusione: non ne vale la pena.

Il fatto è che non esiste una soluzione alternativa. Devi metterti al lavoro. Ma ci sono alcune tattiche semplici e reali che puoi usare per iniziare subito a far crescere un seguito autentico su YouTube. Vediamo quali sono.

Come ottenere più abbonati YouTube (gratuitamente): 15 consigli

Se hai appena iniziato, dai prima un’occhiata alla nostra guida per la creazione di un canale YouTube. Dovresti conoscere le basi della piattaforma prima di immergerti nei suggerimenti che seguono.

In ordine, dalla più semplice alla più complicata, ti illustriamo le nostre migliori pratiche per convertire gli spettatori in iscritti. Non affrontarle tutte in una volta. Prova uno di questi suggerimenti per ogni nuovo video che pubblichi o usane uno o due alla settimana.

1. Chiedi ai tuoi spettatori di iscriversi al tuo canale

Non c’è niente di più facile di questo.

A volte il tuo pubblico ha solo bisogno di essere stimolato.

Chiedere l’abbonamento ti sembra troppo commerciale? Può essere, se lo chiedi troppo presto o troppo spesso. Ma un rapido promemoria per iscriversi alla fine dei tuoi video sta solo rendendo più facile per i fan stare al passo con il lavoro che svolgi.

Ricordati di dimostrare perché vale la pena iscriversi al tuo canale. Assicurati di chiedere l’abbonamento solo dopo aver fornito informazioni nuove e utili o aver fatto ridere gli spettatori.

2. Termina i tuoi video dando delle indicazioni in merito a quello su cui stai lavorando nel futuro prossimo

Iscriversi a un canale su YouTube è un atto di anticipazione. Gli spettatori che hanno appena conosciuto il tuo marchio sono pronti a volere di più se hai fatto bene il tuo lavoro.

Pubblicizzare il tuo prossimo video e chiarire perché è da non perdere è il modo più facile e veloce per incoraggiare le persone ad iscriversi.

Ovviamente, ciò richiede una buona gestione del programma dei contenuti di YouTube e sapere cosa accadrà dopo. (Ne parleremo presto.)

3. Verifica il tuo account Google

Per impostazione predefinita, tutti gli utenti di YouTube possono caricare video della durata massima di 15 minuti. Se desideri creare contenuti più lunghi, dovrai verificare il tuo account.

Dato che i video più lunghi offrono più opzioni per i tipi di contenuti che puoi creare, questo è un passaggio importante per chiunque desidera creare un canale professionale.

Per verificare il tuo account, vai su chúng tôi sul tuo computer (non un dispositivo mobile) e segui le istruzioni.

Dopo aver verificato il tuo account, puoi caricare video fino a 256 GB o lunghi 12 ore.

4. Interagisci con il tuo pubblico e fai amicizia (ovvero crea comunità)

Inoltre, una volta collegato, il tuo pubblico ti fornirà molte idee e suggerimenti di contenuti gratuite per il tuo prossimo video. Non preoccuparti, non devi accettarli tutti.

5. Crea un branding del canale efficace

Il branding del canale è importante per far sapere agli spettatori chi sei e cosa possono aspettarsi dal tuo canale.

Banner

Il tuo banner YouTube dà il benvenuto a tutti coloro che cliccano sul tuo canale. Forse hanno appena visto un video e ne stanno cercando di più. Forse sono potenziali abbonati.

Assicurati che sappiano dove si trovano e perché dovrebbero restare “nei paraggi”.

Il tuo banner deve essere pulito, focalizzato sul tuo marchio, accattivante e, questa è la parte più importante, ottimizzato per tutti i dispositivi. Dunque fai in modo che i dettagli importanti non vengano coperti dai pulsanti dei tuoi social media.

Abbiamo una guida pratica per creare la grafica del tuo canale YouTube, insieme a modelli gratuiti con le dimensioni più aggiornate.

Icona del canale Descrizione del canale

Questo è il testo che viene visualizzato nella pagina Informazioni del tuo canale su YouTube. Hai fino a 1000 caratteri per descrivere il tuo canale e far sapere agli spettatori perché dovrebbero iscriversi. Abbiamo un post completo sul blog in lingua inglese su come scrivere descrizioni di YouTube efficaci per iniziare.

URL personalizzato

L’URL predefinito del tuo canale predefinito sarà simile a questo:

Non va bene! Fortunatamente, puoi cambiarlo utilizzando un URL personalizzato.

Come? Vai su YouTube Studio, scegli Personalizzazione nel menù a sinistra, quindi fai clic su Informazioni di base e scorri verso il basso fino all’URL del canale. Puoi modificare il tuo URL in qualcosa di simile a questo:

Ricorda che devi avere almeno 100 iscritti prima di poter richiedere un URL personalizzato. Se non li hai ancora, appena li avrai dovrai procedere alla modifica. Mettila in cima alla tua lista di cose da fare per quando avrai raggiunto il primo traguardo di abbonati.

6. Aggiungi un trailer del canale personalizzato

Le impostazioni di personalizzazione di YouTube ti consentono di sfruttare al meglio lo spazio video in primo piano che si trova nella parte superiore della pagina del tuo canale.

Puoi scegliere di mostrare un video agli iscritti esistenti e qualcos’altro agli spettatori non iscritti.

Per i non iscritti, crea un trailer del canale che consenta alle persone di sapere cosa possono aspettarsi dal tuo canale e perché dovrebbero iscriversi.

Ecco un ottimo esempio dal life coach ed esperto di seduzione Massimo Taramasco

Il suo canale si presenta così

7. Personalizza le miniature dei tuoi video

Una miniatura è un’immagine fissa di 1280 x 720 pixel che fa da copertina per il tuo video. Pensala come un mini poster di un film. È la tua prima occasione per convincere qualcuno a cliccare sul tuo video. (Al di là del titolo che scegli, ma di questo parleremo più avanti.)

Qui non stiamo parlando di come ottenere visualizzazioni su YouTube (abbiamo un post diverso per questo), ma le miniature personalizzate coerenti e professionali sono un’altra componente importante del branding del tuo canale. Possono aiutare a dire ai nuovi spettatori di più su chi sei come creator di contenuti video.

Mira a un marchio coerente in tutte le tue miniature. Usa lo stesso carattere, la stessa tavolozza di colori o anche la stessa composizione di fotogrammi in modo che le persone sappiano (almeno inconsciamente) che stanno guardando un video dal tuo canale.

Ad esempio, dai una rapida occhiata al canale YouTube di Bongo Chef. Le sue miniature coerenti e convincenti mostrano che il suo canale offre molti motivi per iscriversi agli spettatori.

YouTube offre un paio di strumenti cliccabili integrati per aiutarti a convertire gli spettatori di video in iscritti al canale.

Schermo finale

Si tratta di un’immagine fissa alla fine del tuo video in cui puoi ricordare alle persone di iscriversi o inserire un’altra call to action, prima che l’algoritmo di YouTube li sposti al video successivo. Puoi aggiungere una schermata finale a qualsiasi video durante il processo di caricamento, purché il video duri più di 25 secondi.

Puoi anche tornare indietro e aggiungere schermate finali ai video esistenti. Questo può essere un ottimo modo per iniziare a convertire gli iscritti dai tuoi contenuti già pubblicati.

Per aggiungere una schermata finale a un video esistente, fai clic su Contenuti nel menù a sinistra di YouTube Studio, quindi seleziona il video a cui desideri aggiungere una schermata finale. Clicca sulla casella Schermata finale sul lato destro dello schermo e aggiungi un elemento Iscriviti al tuo video.

Watermark (sovrimpressione in fliligrana) del tuo marchio

Questo è un pulsante di iscrizione aggiuntivo che si posizionerà nell’angolo in basso a destra del tuo video. Puoi scegliere in autonomia quando durante i tuoi video viene visualizzata la filigrana.

Per aggiungerla, clicca su Personalizzazione nel menù a sinistra di YouTube Studio, quindi seleziona Branding. La filigrana apparirà ora su tutti i tuoi video.

9. Pensa in termini di playlist

Le playlist sono un ottimo modo per aumentare il tempo di visualizzazione del tuo canale YouTube. Come una serie Netflix, una playlist di YouTube riproduce automaticamente una serie di video in un ordine prestabilito. Lo spettatore dunque non deve cliccare attivamente sul video successivo: si limita a guardare, lasciando che il contenuto si carichi in automatico.

Pensa a ogni playlist come ad un sottocanale o come a una serie in corso. Se qualcuno guarda alcuni video di seguito, ha buoni motivi per iscriversi per guardarne altri.

Le playlist vengono visualizzate, non a caso, nella scheda Playlist del tuo canale.

10. Mostra i tuoi contenuti in modo strategico sul tuo canale

Da YouTube Studio, puoi aggiungere fino a 12 sezioni alla homepage del tuo canale. Questo ti consente di presentare i tuoi migliori contenuti in primo piano, così i nuovi visitatori vedono le tue migliori creazioni mentre valutano di premere il pulsante Iscriviti.

Puoi anche utilizzare le sezioni per mostrare le playlist che hai creato nell’ultimo suggerimento. Usa playlist specificamente mirate alle varie esigenze degli spettatori per evidenziare a colpo d’occhio l’ampio valore che offri.

Dai un occhiata alle playlist caricate dalle lifestyle blogger MaCheDavvero sul suo canale YouTube

Le persone probabilmente capitano sul suo canale dopo aver cercato consigli di viaggio, lettura o informazioni sulla salute mentale. E possono immediatamente vedere dalle sue playlist che ci sono molte informazioni lì se vogliono approfondire un determinato argomento.

Se non sei sicuro su quali sezioni includere nella tua pagina del canale, prova ad iniziare con il caricamento dei video più popolari. Questo raccoglierà automaticamente i tuoi primi 12 video con il maggior numero di visualizzazioni su YouTube.

11. Organizza un concorso

Se vuoi un aumento di coinvolgimento a breve termine, o semplicemente vuoi vedere aumentare il numero dei tuoi iscritti, consulta la nostra guida in lingua inglese per organizzare un concorso su YouTube.

I passaggi chiave includono la scelta di un premio allettante per il tuo pubblico e la richiesta agli spettatori di iscriversi e attivare le notifiche per partecipare.

12. Pubblica i video in base a un programma coerente

Molti esperti citano con sicurezza una regola pratica sulla frequenza con cui i creator dovrebbero pubblicare video sui loro canali. Ad esempio: un video alla settimana per iniziare, aumentando poi il tempo a 3 o 4 settimane man mano che il tuo canale cresce.

Esiste una teoria secondo la quale più video corrispondono a più tempo di visualizzazione da parte degli spettatori. Ma dare la priorità alla quantità rispetto alla qualità ha degli svantaggi.

Se il tuo obiettivo è convertire gli spettatori in iscritti, devi prima concentrarti sulla qualità e poi sulla coerenza. (Solo in seguito puoi iniziare a preoccuparti della quantità.)

Se carichi video in modo coerente, le persone sanno che stanno arrivando altri contenuti validi ed è più probabile che facciano clic sul tasto iscriviti.

Puoi anche utilizzare una piattaforma di gestione dei social media come Hootsuite per programmare i tuoi video su YouTube per la pubblicazione successiva.

Attira il tuo pubblico dagli altri social

Devi fare promozione incrociata su Twitter, Instagram, Pinterest, Facebook, Tik Tok. Insomma dovunque tu abbia una comunità di fan esistente. Puoi semplicemente incoraggiare le persone a visitare il tuo canale YouTube nella tua biografia di Instagram o Twitter.

Pubblicare un teaser del tuo ultimo video è un altro ottimo modo per attirare persone sul tuo canale YouTube da altri account social. Le storie di Instagram sono l’ideale per questo poiché puoi offrire un trailer o un teaser del tuo video e indirizzare le persone a YouTube con un semplice collegamento Scorri verso l’alto.

Se pubblichi i video con una pianificazione regolare, le persone inizieranno ad aspettare i tuoi contenuti. E se aspettano il tuo lavoro significa che sono pronti per iscriversi.

Alexandra Gater è una YouTuber di decorazioni per la casa e fai-da-te che usa le storie di Instagram in modo davvero efficace per anticipare i suoi video di YouTube, che pubblica ogni sabato. Dopo aver fatto scorrere il dito verso l’alto alcune volte, è più probabile che gli spettatori premano Iscriviti in modo che i suoi contenuti possano diventare una parte regolare dei loro piani per il fine settimana.

Ecco un teaser su Instagram Stories:

E questo è il video relativo, su YouTube.

Suggerimento per professionisti: uno strumento di pianificazione per i social media come Hootsuite rende la promozione incrociata molto più semplice. E abbiamo una guida completa per creare un calendario dei contenuti dei social media.

Fai la tua ricerca di parole chiave per titoli, descrizioni e hashtag

Comprendere la SEO di YouTube e sapere quali parole chiave relative al tuo argomento stanno cercando le persone su YouTube ti aiuterà a dare un titolo ai tuoi nuovi video e a scegliere gli hashtag giusti. Ma potrebbe anche darti ispirazione per il tuo prossimo argomento.

Ad esempio, se hai un canale YouTube di cucina, specializzato sulla preparazione della pasta fatta in casa, alcune ricerche preliminari di parole chiave potrebbero rivelarti che gli spettatori di YouTube sono interessati a come scegliere la macchina per la pasta più adatta, come pulirla e come scegliere il formato più adatto a seconda delle occasioni. Questi argomenti potrebbero essere dei video “indipendenti”.

Strumenti SEO (ottimizzazione dei motori di ricerca) come Google Keyword Planner possono aiutarti a identificare le parole e le frasi che le persone utilizzano per trovare le informazioni che stai fornendo. Il tuo obiettivo è trovare gli argomenti che abbiano un volume di ricerca più alto e poche pubblicazioni in merito.

Ciò ti consente di evitare di realizzare video che nessuno sta cercando. O video con titoli che nessuno riesce a trovare.

Inoltre, ti aiuterà a evitare di creare contenuti su un argomento che è già altamente competitivo prima che tu sia pronto. Così, riuscirai a creare una tua nicchia.

Se non hai idea da dove iniziare con la tua ricerca di parole chiave, pensa a quali tipi di frasi di ricerca useresti per cercare contenuti nel tuo settore.

Ad esempio, la showgirl e conduttrice Lorella Cuccarini ha inaugurato da poco un canale di interviste su YouTube dove incontra personaggi del mondo dello spettacolo davanti ad un caffè, e ha intitolato il format “Un caffè con”.

Una volta che inizi a creare il tuo canale, puoi utilizzare YouTube Analytics per vedere quali parole chiave funzionano per portare le persone ai tuoi video. Cerca le tendenze che potrebbero guidare i contenuti che creerai in futuro.

Per accedere a queste informazioni, fai clic su Analytics nel menù a sinistra di YouTube Studio. Cliccando su Ricerca, scoprirai cosa cercano gli spettatori su YouTube e potrai utilizzare questo strumento per fare ricerche su alcuni dei termini più cercati dagli spettatori sul tuo canale e su YouTube negli ultimi 28 giorni.

Puoi anche tornare alle descrizioni dei vecchi video per aggiungere nuove parole chiave e hashtag e aumentare la tua rilevabilità nei risultati di ricerca di YouTube in qualsiasi momento.

15. Collabora con altri creator

Questo rimanda al suggerimento n. 4: crea una comunità. Usa le tue connessioni per trovare altri creator di YouTube con cui collaborare in modo da poter sfruttare il rispettivo pubblico. Dopotutto, il tuo pubblico si fida dei tuoi consigli e il suo pubblico si fida dei loro.

Quando avrai un pubblico, potresti scoprire che anche i tuoi follower ti suggeriscono potenziali collaborazioni. Fino a quel momento, però, esplora YouTube per cercare potenziali collaboratori nel tuo campo. Se trovi qualcuno che sembra promettente, contattalo.

Come vedere i tuoi iscritti YouTube

Puoi controllare il tuo elenco di iscritti YouTube dalla dashboard del tuo canale. Ecco dove trovare l’elenco completo degli iscritti:

In YouTube Studio, vai alla dashboard del tuo canale e clicca su Analisi del canale. Si aprirà nuovamente la scheda Analytics dove potrai vedere il tempo totale di visualizzazione dei tuoi video oltre che gli iscritti più recenti al tuo canale.

    Cliccando poi su Modalità avanzata, potrai vedere tutti gli iscritti, dal momento in cui hai inaugurato il tuo canale YouTube, divisi per genere, età, regione di provenienza.

    Se desideri controllare solo i nuovi iscritti, puoi scegliere di visualizzare un elenco di persone che si sono iscritte negli ultimi 7, 28, 90 o 365 giorni.

    Tieni presente, però, che l’elenco include solo gli utenti che hanno reso pubbliche le proprie iscrizioni.

    Fai crescere il tuo canale YouTube e il tuo pubblico più velocemente con chúng tôi permette di gestire e programmare i video di YouTube, nonché di pubblicare rapidamente i tuoi video su Facebook, Instagram e Twitter, tutto da un’unica dashboard. Provalo gratuitamente oggi.

    Inizia subito

    Versione italiana: Tiziana Cialdea

    Fallo meglio con Hootsuite, la soluzione tutto-in-uno per la gestione dei social media. Fai crescere il tuo business, batti la concorrenza e ottieni i risultati che ti meriti.

    You're reading Come Ottenere Abbonati Youtube Gratis (E Senza Trucchi!)

    Come Ottenere Più Follower Su Instagram

    Vuoi sapere come ottenere più follower su Instagram? Non serve comprarli (sono falsi!) o utilizzare bot: basta seguire la nostra guida.

    Hai iniziato ad utilizzare i social da zero o stai semplicemente cercando di costruire il tuo marchio online? Probabilmente ti starai chiedendo come ottenere più follower su Instagram.

    E no, non intendiamo comprare follower o utilizzare bot. Questi trucchi potrebbero aumentare il numero dei tuoi follower per un breve periodo, ma non ti garantiranno la crescita a lungo termine.

    Questo perché gli unici follower di Instagram veramente utili sono persone reali che interagiscono con il tuo marchio.

    Dai un’occhiata alla nostra guida approfondita per imparare come far crescere i follower di Instagram in modo organico.

    Scarica gratuitamente questa collezione di 72 template per le Storie di Instagram che ti faranno risparmiare tempo e ti daranno un risultato professionale. L’abbiamo detto che è GRATIS? Cliccare per credere!

    Come ottenere più follower su Instagram, gratis

    Se non hai tempo per leggere l’intera guida, guarda il video qui sotto, in lingua inglese, per capire di cosa hai bisogno per crescere su Instagram per davvero.

    Lo guardi dopo? Ok, allora rimboccati le maniche e mettiamoci al lavoro.

    Passaggio 1. Getta le basi

    Pianifica una strategia di marketing ragionata su Instagram

    Se vuoi funzionare sui social media, hai bisogno di un piano chiaro e definito.

    Ottenere più follower su Instagram è un buon obiettivo di partenza. Ma i follower da soli non sono sinonimo di un account Instagram di successo. Il tuo obiettivo deve far parte di un piano più ampio che si collega alla tua strategia aziendale e agli obiettivi di social media marketing.

    Pensa ai motivi per cui desideri più follower su Instagram. Cosa speri davvero di ottenere? Forse vuoi:

    accrescere la conoscenza del tuo marchio

    aumentare le vendite dei prodotti

    indirizzare il traffico verso il tuo sito web.

    Mantenere la concentrazione su questi obiettivi orientati al business ti aiuterà a mantenere coerente il tuo account Instagram. Ti aiuterà inoltre a raccontare una storia interessante del tuo marchio che attrae i nuovi visitatori del profilo e aiuta a costruire (e mantenere) un seguito affezionato.

    Definisci il tuo pubblico

    Chiediti chi stai cercando di raggiungere:

    Dove vivono?

    Cosa fanno per lavoro?

    Quando e come usano Instagram?

    Quali sono i loro punti deboli e le loro sfide?

    Le risposte a queste domande ti aiuteranno a creare contenuti per entrare in contatto con le persone su Instagram che molto probabilmente ti garantiranno un seguito.

    Ti aiuteranno anche a fornire costantemente contenuti che manterranno il tuo pubblico coinvolto a lungo termine.

    Crea una storia e un’estetica del marchio coerenti

    Forse vuoi mostrare il tuo prodotto. Oppure puoi umanizzare il tuo marchio condividendo il punto di vista di un dipendente. Un marchio ambizioso potrebbe mostrare lo stile di vita o i risultati dei propri clienti.

    Qualunque cosa tu stia cercando, è importante mantenere una voce, una personalità e un aspetto del marchio coerenti.

    I tuoi post dovrebbero essere facilmente riconoscibili a colpo d’occhio. Pensa al tuo feed di Instagram come a un’unità coesa. Puoi sempre utilizzare le storie di Instagram per condividere contenuti che non si adattano perfettamente all’aspetto del tuo feed principale.

    Anche i tuoi prodotti non devono avere lo stesso aspetto. Puoi utilizzare lo stile per dare alla tua griglia un aspetto coerente, come fa il brand @decoracondolcezza

    Usa parole chiave per apparire nelle ricerche

    Prima che le persone possano seguirti su Instagram, devono trovarti. Ma non tutto il testo su Instagram è ricercabile. Solo due campi su Instagram contribuiscono ai risultati della ricerca: nome e nome utente.

    Il tuo nome utente è il tuo account Instagram. Dovrebbe essere coerente con quello che usi su altri social network perché questo rende più facile per le persone trovarti. Usa il nome del tuo marchio o una variante del tuo nome che è probabile che le persone utilizzino durante la ricerca del tuo marchio.

    Il tuo nome può essere qualsiasi cosa tu voglia, fino a 30 caratteri. Anche se non vuoi inserire parole chiave, ricorda includere la tua parola chiave più pertinente nel campo del nome può renderti più facile da trovare.

    Per esempio, la consulente di immagine Angela (@con.cosa.lo.metto) include la frase chiave “l’altra fashion blogger” nel suo nome Instagram. Grazie a questo, è più probabile che venga trovata da persone che su Instagram cercano contenuti di moda.

    Ottimizza la biografia e il profilo di Instagram

    Due terzi delle visite ai profili aziendali di Instagram provengono da non follower. Se la tua biografia e il tuo profilo sono convincenti quei visitatori potrebbero cliccare sul pulsante Segui e diventare tuoi follower.

    Il tuo profilo include i campi del tuo nome e nome utente (menzionati sopra), il tuo sito web e la tua biografia.

    La tua biografia può contenere fino a 150 caratteri, quindi sfruttala al meglio. Trasmetti la tua identità o l’identità del tuo marchio e mostra ai nuovi visitatori perché dovrebbero seguirti. Quali contenuti possono aspettarsi?

    Questa biografia del fotografo Mattia Cittadino @mc8ph riassume lo scopo dell’account in modo molto rapido e facile da assimilare:

    Se hai un account professionale (Business o Creator), puoi includere informazioni extra nel tuo profilo, come le informazioni di contatto, il tipo di attività e la posizione geografica.

    Passaggio 2. Crea ottimi contenuti

    Progetta un bel feed su Instagram

    Certo, potrebbe sembrare ovvio, ma è fondamentale quando si pensa di ottenere follower su Instagram. Ogni post sulla tua griglia di Instagram deve essere di alta qualità e visivamente accattivante.

    Quando nuovi utenti visitano il tuo profilo, il contenuto dovrebbe fargli desiderare di vedere di più (e quindi di cliccare sul tasto Segui).

    Il profilo del brand di costumi Imperah utilizza spesso griglie di particolare impatto visivo.

    Scrivi didascalie lunghe e accattivanti

    Anche se Instagram è una piattaforma di social media visiva, le didascalie su Instagram ti aiutano a ottenere più coinvolgimento.

    Ecco alcune strategie chiave da tenere sempre a mente:

    Metti le parole più importanti in primo piano. Se la didascalia è lunga più di 125 caratteri, gli utenti devono toccare “altro” per vedere tutto. Sfrutta al massimo quelle prime parole per favorire quel tocco in più.

    Usa le emoji. Le emoji aggiungono un po’ di varietà e possono rendere la tua didascalia più allettante. Assicurati solo di usarle correttamente!

    Prova didascalie con lunghezze diverse. I nostri dati mostrano che è più probabile che didascalie lunghe favoriscano un maggiore coinvolgimento di pubblico, ma anche didascalie molto brevi possono essere efficaci, soprattutto quando le immagini parlano da sole.

    La food blogger Rossella “Paneecioccolato”, creator e membro del team della community di @giallozafferano pubblica foto fantastiche dei suoi piatti con didascalie dettagliate che raccontano la ricetta, con ingredienti e spiegazione del procedimento. Sulla sua biografia Instagram scrive: “ora ti insegno a cucinare in modo facile e veloce” e il suo proposito si ritrova, appunto, nelle didascalie dettagliate.

    Pubblica contenuti destinati a essere ricondivisi

    Il tuo pubblico vuole interagire con contenuti utili e stimolanti. Quindi, quando pianifichi i tuoi post, pensa ai tipi di contenuti che altre persone potrebbero voler condividere.

    Le persone adorano condividere infografiche. Asseconda dunque quel desiderio fornendo ai tuoi follower post che riportano dati di esperti. Se qualcuno incorpora i tuoi post di Instagram nel proprio blog, questo ti espone ad pubblico completamente nuovo. Sono potenziali follower!

    Le persone possono anche ricondividere i tuoi post nelle loro storie di Instagram. Questi post sono cliccabili, quindi chiunque voglia saperne di più può fare clic sul tuo post originale. È un altro modo semplice per espandere la tua portata a nuovi segmenti di pubblico e potenziali nuovi follower.

    Ecco come appare un post di Hootsuite sui dati demografici di LinkedIn quando viene condiviso in una storia di Instagram.

    Usa le storie di Instagram

    Se vuoi più follower su Instagram, devi usare le storie di Instagram. Mezzo miliardo di account Instagram utilizza le Storie ogni giorno e il 45% delle Storie più viste sono quelle di account aziendali.

    Le persone che usano le storie sono molto coinvolte. Inoltre, puoi utilizzare le funzionalità di hashtag e posizione nelle tue storie per mostrarle a persone che ancora non ti seguono.

    Ottieni il massimo dalle storie in evidenza

    Se hai messo particolare impegno per una storia di Instagram e non vuoi fare in modo che vada “perduta” dopo 24 ore puoi usare le storie in evidenza. Ricorda che sono un ottimo modo per presentare il tuo marchio alle persone che visitano il tuo profilo. Quindi riempi le storie in evidenza con informazioni e contenuti particolari per mostrare ai nuovi visitatori perché dovrebbero seguirti.

    Non dimenticare di personalizzare anche le foto di copertina delle storie in evidenza, con delle icone. Alessia Marcuzzi, che oltre ad essere una conduttrice televisiva ha lanciato sul mercato una linea di borse (@marksandangels) e una di prodotti per la pelle (@lucebyalessiamarcuzzi), sul suo profilo personale le mette in risalto proprio attraverso le storie in evidenza.

    Pubblica in modo coerente

    I tuoi follower vogliono vedere i tuoi contenuti. Ecco perché hanno scelto di seguirti. Quindi dai quello che vogliono!

    Quando gli utenti interagiscono con i tuoi post, queste interazioni dicono all’algoritmo di Instagram che i tuoi contenuti sono preziosi. Tali interazioni, così aumenteranno quindi la tua portata. Quindi dare ai tuoi follower esistenti qualcosa di interessante con cui interagire può aiutare a portarti nuovi follower su Instagram.

    Quanto spesso dovresti postare? Secondo la nostra analisi, tra 3 e 7 volte a settimana.

    Pubblica al momento giusto

    Instagram utilizza un algoritmo, non un feed cronologico. Ma il tempismo è molto importante per l’algoritmo.

    Il team social di Hootsuite ha scoperto che il momento migliore per postare su Instagram è tra le 8:00 e le 12:00 del mattino o tra le 16:00 e le 17:00, nei giorni feriali.

    Ma il tuo pubblico potrebbe avere abitudini diverse dalle nostre. Uno strumento come Hootsuite Analytics può mostrarti il momento migliore per pubblicare per il tuo pubblico in base al coinvolgimento passato, alle impressioni o al traffico.

    Prova Hootsuite gratis. Puoi cancellarti in qualsiasi momento.

    Inizia a testare più volte e misurare i risultati. Ad esempio, se sei un marchio di vendita al dettaglio, potresti testare la pubblicazione durante l’orario della pausa pranzo.

    Pianifica i tuoi post e le tue storie

    E se il momento migliore per pubblicare sul tuo account corrispondesse alle 3 del mattino? (Può succedere.) Usa uno strumento di gestione per Instagram come Hootsuite per pianificare e pubblicare direttamente su Instagram dal pc.

    Pianificare in anticipo i tuoi post su Instagram ti consente di pianificare una griglia coerente che racconta una storia generale. Ti consente anche di dedicare tempo alla creazione di didascalie accattivanti, invece di inventare qualcosa di spiritoso al volo.

    Puoi utilizzare Hootsuite anche per programmare storie e reels di Instagram

    Passaggio 3. Renditi reperibile

    Usa hashtag pertinenti per raggiungere nuovi utenti

    Purtroppo, il testo dei tuoi post su Instagram non è ricercabile. Ma i tuoi hashtag lo sono. Usare gli hashtag in modo mirato può essere un buon modo per ottenere follower su Instagram gratuitamente. Puoi persino creare hashtag personalizzati.

    Gli hashtag pertinenti possono aiutare le persone a trovare i tuoi contenuti. Gli utenti di Instagram possono persino seguire gli hashtag. Questo significa che i tuoi contenuti con hashtag potrebbero apparire nei feed di persone che non seguono ancora il tuo account.

    Puoi includere fino a 30 hashtag in un post di Instagram, ma non esagerare. Fai qualche esperimento per scoprire quanti hashtag funzionano meglio per il tuo account.

    Evita gli hashtag come #likeforlike, #tagsforlikes o #followme. Questi potrebbero portarti un aumento temporaneo dei follower. Ma quelle persone non sono interessate a quello che rende speciali te e i tuoi contenuti. Non ti aiuteranno a creare un pubblico significativo e coinvolto su Instagram.

    Invece, concentrati sull’utilizzo di hashtag altamente mirati specifici per le tue foto, per i tuoi prodotti o per la tua attività, come fa la stilista Elisabetta Franchi in questo post dove utilizza, tra gli altri, l’hashtag #FallWinter2024

    Tagga la tua posizione

    Se la posizione geografica del tuo post o della tua storia è definita, vale la pena aggiungere un tag di posizione. È un altro trucco che permette alle persone di trovare i tuoi contenuti su Instagram.

    Se la tua attività ha una sede fisica, taggala e incoraggia i clienti a fare lo stesso. Gli utenti possono quindi cliccare su quella posizione e vedere tutte le foto e le storie pubblicate dal tuo negozio, ristorante o ufficio.

    Ad esempio, ecco cosa si vede cercando la posizione dell’hotel Mama Shelter che si trova in centro a Roma:

    Se stai pubblicando da una conferenza o un evento, l’aggiunta della tua posizione può aiutarti a connetterti con gli altri partecipanti. Questo esporrà il tuo account a un gruppo particolarmente rilevante di nuovi potenziali follower su Instagram.

    Tagga gli utenti rilevanti

    È facile taggare gli utenti di Instagram presenti nelle tue foto. Usa il simbolo @ della menzione nella didascalia o la funzionalità di tag di Instagram all’interno del post.

    Gli utenti ricevono una notifica quando vengono taggati, quindi i tag li incoraggiano a interagire e condividere il post. Il tuo post apparirà anche nella scheda “taggati”del loro profilo Instagram.

    Puoi anche taggare gli utenti nelle tue storie di Instagram. Così, possono pubblicare i tuoi contenuti condivisi nella propria storia con solo un paio di tocchi. Questo permetterà ai loro follower di conoscere il tuo account e raggiungerlo con un clic.

    Fai attenzione però. Taggare qualcuno soltanto per attirare la sua attenzione non è una buona idea. Al contrario, tagga solo gli utenti presenti nella tua foto o pertinenti al contenuto del tuo post.

    Alcuni utenti potenzialmente rilevanti da taggare potrebbero includere:

    Clienti

    Fornitori

    Altre attività rilevanti

    Colleghi o dipendenti

    Qualcuno che ti ha insegnato qualcosa o ti ha parlato di quello che condividi nel post

    Chiunque appaia nella foto

    Incoraggia gli altri a taggarti

    Un altro modo per presentare il tuo account Instagram a un nuovo pubblico è chiedere ad altri utenti di Instagram di taggarti. Se ti taggano in un post, il pubblico dell’account che ti ha taggato vede il tuo nome utente e può cliccarci sopra, per soddisfare la propria curiosità

    La tua biografia è un ottimo posto per chiedere alle persone di taggarti su Instagram.

    Ad esempio, Visit Lazio, il sito che promuove il turismo nella regione Lazio, chiede agli utenti di taggare il proprio account Instagram per avere la possibilità di essere presente sui loro account.

    Promuovi il tuo account Instagram su altre piattaforme

    Se vuoi ottenere follower su Instagram gratuitamente, devi consentire alle persone di trovarti facilmente.

    Il tuo profilo Instagram, dunque, dovrebbe essere facilmente individuabile. Se hai già creato un seguito su un altro social network, informa i tuoi seguaci del tuo account Instagram.

    Condividi un link al tuo profilo Instagram e dai un’occhiata ai tuoi follower sui social esistenti.

    L’astrologo Marco Pesatori, che su Facebook ha oltre ventimila seguaci, quando fa una diretta con le previsioni settimanali si premura sempre di informare i suoi seguaci che la trasmissione è disponibile anche in diretta Instagram, dove ha un seguito meno numeroso.

    Se hai appena avviato il tuo account Instagram, assicurati di pubblicare alcuni contenuti prima di promuovere l’account altrove. Punta a un minimo di 12 post.

    Potresti anche mettere in evidenza alcuni dei tuoi migliori post su Instagram sugli altri tuoi canali social. Prendi in considerazione l’idea di potenziare questi post con pubblicità a pagamento in modo che gli altri tuoi follower sui social possano trovarti e seguirti su Instagram.

    Incorpora i post di Instagram nel tuo blog

    Hai già visto alcuni post di Instagram incorporati in questo blog. Questi post cliccabili consentono agli utenti di andare direttamente al post o al profilo Instagram relativo.

    Incorporare i tuoi post di Instagram nel tuo blog è un modo semplice per condividere i tuoi contenuti e indirizzare il traffico verso il tuo profilo. Ogni nuovo visitatore del tuo profilo Instagram è un potenziale nuovo follower.

    Ad esempio, supponiamo che Hootsuite volesse annunciare il restyling della nostra mascotte. Certo, potremmo condividere alcune foto del nuovo look di Owly.

    Ma potremmo anche incorporare un post su Instagram, come questo:

    Ogni volta che condividi contenuti visivi come foto, grafici o infografiche nel tuo blog, c’è un’opportunità per incorporare un post di Instagram con quel contenuto.

    Condividi il tuo account Instagram ovunque sia possibile

    Pensa oltre i tuoi canali social quando condividi il tuo account Instagram.

    Puoi promuovere il tuo account Instagram sul tuo sito Web, nella tua firma e-mail e nelle tue newsletter online. Anche il collegamento non deve essere grande. Puoi usare una piccola icona di Instagram.

    Se stai promuovendo un nuovo account Instagram, diffonderlo via e-mail è un ottimo modo per ottenere rapidamente follower gratuiti.

    E non dimenticare il mondo offline. Puoi includere il tuo profilo Instagram su sottobicchieri, poster, documenti di trasporto, biglietti da visita o imballaggi. È un modo semplice per attirare più follower Instagram gratuiti sul tuo account.

    Usa i QR code di Instagram

    Il tuo codice QR di Instagram è un codice scansionabile che consente ad altri utenti di Instagram di seguirti all’istante. È un altro modo semplice per promuovere il tuo account su materiali fisici come documenti di trasporto, segnaletica e imballaggio del prodotto.

    Il tuo codice QR è anche un ottimo modo per ottenere nuovi follower in tempo reale in occasione di eventi di networking e conferenze. Le persone con cui ti connetti di persona possono scansionare il tuo codice per seguirti senza dover digitare il tuo nome utente. Prova a stamparlo e a infilarlo nel porta badge per un facile accesso.

    Trova il tuo codice QR Instagram toccando l’icona delle tre linee in alto a destra del tuo profilo Instagram e selezionando QR Code .

    Prova a farti notare

    Gli account di funzionalità sono account Instagram che curano e ricondividono i contenuti in base a un hashtag o tag. Alcuni di questi account hanno un seguito enorme. Se condividono uno dei tuoi post (insieme al tuo nome utente), possono inviare un nuovo flusso di follower su Instagram a modo tuo.

    C’è un account di funzionalità per quasi ogni nicchia e interesse su Instagram, quindi inizia a esplorare.

    Ad esempio la make up artist @ornellaurso pubblica post di trucco, in particolare per le spose. L’account ha più di 25000 follower.

    Punta alla pagina Esplora

    La pagina Esplora è quella che vedi quando clicchi sull’icona della lente d’ingrandimento nella parte inferiore dell’app di Instagram. Proprio secondo Instagram, qui “puoi trovare foto e video che potrebbero piacerti da account che non segui ancora”.

    La metà degli account Instagram visita Esplora ogni mese. Questa è una grande opportunità per i marchi che cercano di far crescere il proprio pubblico.

    Non è facile finire nella scheda Esplora. Fortunatamente, abbiamo un intero articolo dedicato ad aiutarti ad arrivarci.

    Puoi anche pagare per accedere al feed Esplora selezionando Esplora come posizionamento dell’annuncio.

    Fonte: Instagram

    Passaggio 4. Interagisci con la tua community

    Segui gli account pertinenti

    Dovresti taggare le persone in un post di Instagram solo quando il contenuto è direttamente rilevante per loro. Ma puoi seguire chi vuoi. E quando segui un utente su Instagram, ci sono buone probabilità che controlli il tuo feed e consideri di seguirti.

    L’ascolto sociale è ottimo per trovare conversazioni e utenti influenti (ovvero gli influencer) da seguire.

    La sezione “Suggerimenti per te” di Instagram è anche una risorsa utile per trovare account pertinenti da seguire. Questi suggerimenti vengono visualizzati nel feed di Instagram tra i post, tra le storie o sul lato destro dello schermo su un computer.

    Ricorda solo di non seguire troppi altri account troppo velocemente. Il tuo rapporto di follower, o il numero di persone che ti seguono rispetto a quante segui, è importante per la credibilità.

    E non seguire le persone solo per attirare la loro attenzione, solo per smettere di seguirle dopo che ti hanno seguito. Questa è una mossa stupida che danneggerà la tua reputazione su Instagram.

    Interagire con le comunità esistenti

    Come tutti i social media, anche Instagram ha delle comunità costruite al suo interno. Quindi assicurati di partecipare a quegli spazi.

    Interagire con altri post aiuta ad attirare l’attenzione (e potenziali nuovi follower) in due modi:

    Collabora con gli influencer della tua nicchia

    Ecco un dato importante per chiunque stia pensando a come ottenere più follower su Instagram: il 60% dei consumatori sostiene che seguirebbe un marchio su Instagram dopo averlo visto promosso da un influencer di cui si fida.

    Dunque, se non stai collaborando con influence, dovresti assolutamente prenderlo in considerazione. Fortunatamente, abbiamo un’intera guida sull’Influencer marketing per aiutarti.

    Un’opzione è ospitare un concorso come ha fatto il Centro Commerciale Conè che ha coinvolto l’influencer @personaltrainernatalia

    Collabora con altri marchi

    Non aver paura di contattare altri marchi per vedere se c’è un modo per collaborare su Instagram. Il giusto tipo di collaborazione potrebbe aiutare tutte le persone coinvolte a ottenere più follower su Instagram.

    Pensa alle aziende con cui già collabori in altri modi. Forse sei collegato a un’associazione locale per il miglioramento degli affari o un’area commerciale. Potreste trovare un modo, vantaggioso per entrambi, di lavorare insieme su Instagram.

    Prova una collaborazione su Instagram Live

    I video in diretta stanno diventando sempre più popolari e Instagram è un ottimo posto per trarre vantaggio dalla tendenza. Gli utenti vengono avvisati quando un account che seguono inizia a trasmettere in diretta. Quindi una diretta attira davvero l’attenzione.

    Per presentare il tuo video in diretta a un nuovo pubblico, utilizza l’opzione “Vai in diretta con un amico” per ospitare un video in diretta insieme a qualcun altro del tuo settore. Chiedi all’altra persona di ospitare un video in diretta, quindi fatti invitare come ospite. Apparirete in uno schermo diviso, presentandovi tutti i loro follower.

    Usa le funzionalità interattive nelle storie

    Le storie di Instagram offrono molte funzionalità interattive per coinvolgere gli utenti, come adesivi per sondaggi o la possibilità di fare delle domande. Questi sticker rappresentano un modo semplice per il tuo pubblico di interagire con i tuoi contenuti.

    Gli adesivi dei sondaggi hanno aumentato le visualizzazioni di video di tre secondi nel 90% delle campagne beta di Instagram per questa funzione.

    Se gli utenti trovano la tua storia da un hashtag o dalla posizione, possono interagire immediatamente. Questo li invoglierà a saperne di più sul tuo marchio dandoti un seguito.

    — Instagram (@instagram) July 7, 2023

    Ci sono un paio di modi in cui puoi utilizzare questa funzione come parte del tuo piano per ottenere più follower su Instagram.

    Questa funzione può aiutarti a gestire la conversazione sui tuoi post e creare maggiori opportunità di coinvolgimento.

    Passaggio 5. Continua ad imparare

    Crea un filtro con la realtà aumentata

    I filtri con la realtà aumentata per le storie di Instagram sono effetti fotografici che gli utenti di Instagram possono utilizzare per modificare le foto scattate tramite la fotocamera anteriore e posteriore del proprio smartphone.

    Quei post con le orecchie da coniglio? Sono fatti con un filtro con la realtà aumentata. Quelli per i quiz “quale [verdura/pizza/emoji/ecc.] sei?”, sì, anche quelli sono realizzati con un filtro con la realtà aumentata.

    Qualsiasi utente di Instagram ora può creare un filtro AR. I filtri che crei vivono nella loro sezione del tuo profilo Instagram.

    Se il tuo filtro non è legato ad una logica promozionale o commerciale, apparirà anche nella galleria degli effetti di Instagram Stories, dove qualsiasi utente di Instagram può trovarlo.

    In che modo la creazione di un filtro con la realtà aumentata ti aiuta a ottenere più follower su Instagram? Facile! Il nome del tuo account appare nell’angolo in alto a sinistra ogni volta che qualcuno usa il tuo filtro. È cliccabile e può portare nuovi visitatori al tuo profilo.*

    Organizza concorsi

    Anche gli amici taggati vedranno il tuo post e potrebbero scegliere di seguire anche il tuo account.

    Incoraggiare i contenuti generati dagli utenti come parte del tuo concorso può aiutarti a raggiungere più persone. Le persone impareranno a conoscere il tuo profilo dai post creati dai loro amici. Questo è un modo efficace per creare fiducia con nuovi follower e attirare più occhi sulla tua pagina.

    Considera la pubblicità su Instagram

    Ok, questo non è proprio un modo per ottenere follower gratuiti su Instagram. Ma la pubblicità su Instagram è un ottimo modo per raggiungere rapidamente nuovi follower mettendo i tuoi contenuti di fronte a persone che altrimenti non li vedrebbero.

    E, a differenza dell’acquisto di follower, l’utilizzo dei post sponsorizzati su Instagram è un modo totalmente legittimo ed efficace per ottenere rapidamente più follower con un piccolo investimento.

    Puoi scegliere il pubblico di riferimento delle sponsorizzazioni in base a località, dati demografici e persino comportamenti e interessi chiave. Puoi anche creare un pubblico simile a quello che già ti segue, in base ai dati di chi già interagisce con la tua attività.

    Oltre al feed, puoi fare pubblicità nelle storie di Instagram e nel feed Esplora. Per tutti i dettagli sulla creazione e la pubblicazione di una campagna pubblicitaria Instagram, consulta la nostra guida dettagliata alla pubblicità su Instagram.

    Impara da Instagram Insights

    Gli strumenti di analisi di Instagram ti forniranno dati sulle impression per ogni post, ovvero su quante volte viene visto, insieme a copertura, coinvolgimento, post migliori e altro ancora. Puoi anche trovare informazioni demografiche sui tuoi follower, inclusi sesso, età e posizione geografica.

    Esaminare regolarmente questi dati può aiutarti a identificare le aree in cui puoi adattare la tua strategia per aiutarti a ottenere più follower su Instagram.

    Tieni d’occhio l’ora del giorno in cui i tuoi follower usano Instagram, così puoi pubblicare quando è più probabile che le persone vedano e interagiscano con i tuoi contenuti. I nerd dei dati che vogliono approfondire potrebbero prendere in considerazione uno strumento di gestione dei social media come Hootsuite, che può mostrarti i momenti migliori per pubblicare in base a impression, coinvolgimento e traffico. Ti forniranno anche un sacco di altre utili metriche sulle prestazioni, come il tasso di crescita dei tuoi follower.

    Ottieni più follower su Instagram usando Hootsuite. Pianifica i contenuti per postarli all’orario migliore, ottimizza il coinvolgimento, monitora le tue prestazioni e altro ancora, tutto da un’unica dashboard facile da usare. Provalo gratuitamente.

    Inizia adesso

    Crea, analizza e pianifica i post e le storie di Instagram con Hootsuite. È facile, risparmi tempo e ottieni risultati.

    Hbo Max Gratis: ¿Es Posible Verlo Gratis En España?

    Tenemos un artículo que resolverá todas tus dudas sobre HBO Max. 

    Con 10.000 horas de series y películas, incluyendo series populares como Friends y The OC, éxitos de HBO como Juego de tronos y Westworld y éxitos de taquilla como Ha nacido una estrella… no nos extraña que tengas interés en esta plataforma.

    El precio estándar de una suscripción a HBO Max es de 9,99 € al mes desde el 14 de julio de 2023, un precio muy similar al de otras plataformas (incluso algo más caro), pero ¿hay alguna forma de conseguirlo gratis?

    Si te gusta esto de acceder a plataformas de streaming sin pagar ni un duro, te interesará saber también cómo ver Disney Plus gratis.

    Ver HBO Max gratis: Usa el periodo de prueba

    La forma más simple de obtener HBO Max gratis es solicitar una suscripción de prueba gratis. HBO Max ofrece siete días sin pago para todos los usuarios antes de requerir que se comprometan a una suscripción.

    Para obtener tu prueba gratuita, todo lo que necesitas hacer es dirigirte a la página principal de HBO Max, y hacer clic en el botón que dice ‘iniciar prueba gratuita’.

    Puedes probar HBO Max gratis aquí

    Consulta nuestra guía sobre cómo ver HBO Max desde América Latina o España para obtener más información.

    Para cancelar tu suscripción, haz clic en tu perfil de usuario, selecciona tu cuenta, luego los detalles de facturación, y luego haz clic en ‘cancelar suscripción’ y confirma. 

    Lamentablemente no hay todavía una manera de extender la prueba gratuita, a menos que te hagas una cuenta completamente nueva. Pero siete días es tiempo suficiente para engancharse a una serie corta o ver una o dos películas. 

    Cambia de HBO Now a HBO Max gratis

    Si pagas por la actual plataforma de streaming de HBO (HBO Now) entonces hay buenas noticias. HBO lo actualizará a HBO Max de forma gratuita.

    Si te suscribes a HBO Now a través de Amazon Prime Video o Roku, entonces no necesariamente obtendrás la actualización. Sin embargo, estos canales podrían llegar a un acuerdo en el futuro, así que esto puede cambiar.

    Si no estás seguro/a de cambiar de HBO Now a HBO Max, entonces puedes ver nuestra comparación de los servicios de streaming de HBO. Pero en resumen, ambos cuestan 14,99 dólares al mes y HBO Max ofrece el mismo y más contenido que HBO Now, así que vale la pena el cambio.

    Si estás fuera de Estados Unidos también puedes ver HBO Now o HBO Max a través de una VPN como NordVPN o ExpressVPN.

    Consigue HBO Max gratis sin ninguna suscripción previa

    Por desgracia, si aún no estás suscrito a HBO a través de un servicio de cable elegible o tienes HBO Now, entonces en este momento no serás elegible para obtener HBO Max de forma gratuita. Si esto cambia, actualizaremos este artículo con más información.

    Alternativas a HBO Max para ver películas gratis

    Si ya has usado el periodo de prueba de 7 días que ofrece HBO Max y quieres seguir viendo películas sin tener que pagar ni un céntimo, tienes algunas alternativas que son gratis. Puede que estas alternativas no ofrezcan herramientas extra como la posibilidad de descargar contenido para ver sin conexión a Internet o puede que no tengan las últimas películas o un catálogo demasiado extenso. Sin embargo: son gratis así que, ya sabes, a caballo regalado…

    Pluto TV: Ofrece televisión bajo demanda, es gratis, puedes acceder a contenido bastante variado, pero tendrás que estar atento/a a cuándo empieza la película porque no, no es en streaming.

    RTVE Somos Cine: La plataforma online de Radio Televisión Española ofrece una sección donde podrás ver películas españolas gratis. Tiene películas de muy buena calidad que merece la pena ver. Eso sí, si como nosotras vives fuera de España, tendrás que usar una VPN para poder acceder al contenido. NordVPN es la VPN que utilizamos y funciona muy bien para esto.

    RakutenTV: es otra plataforma que ofrece contenido gratis, tiene películas de bastante nivel. Eso sí, tendrás que ver anuncios (por eso es gratis seguramente). Y sí, si estás fuera de España necesitarás una VPN también. Si quieres, puedes consultar toda nuestra lista de VPN en nuestro artículo sobre mejores VPN.

    Estas tres alternativas para ver series y películas gratis son opciones legales y fiables. Sabemos que existen también webs con contenido en streaming que no son tan seguras ya que pueden acabar usando tu información para fines no muy éticos o incluso acabar instalando algún virus en tu ordenador. Además de ser ilegal, no es seguro. Por ello, te recomendamos siempre que uses plataformas legales como HBO Max (aunque tengas que pagar una suscripción, merece la pena) o, si no quieres pagar, alternativas gratis, pero legales.

    What Games Come With Oculus Rift?

    When the Oculus Rift first came out, you could purchase it and get direct access to many featured games. These were free and downloadable for all Oculus Rift owners.

    Currently, the Oculus Rift is unavailable from the official store as there are now updated versions of the Oculus, including the Oculus Rift S.

    That being said, the featured games have remained much the same for all of the Oculus models and versions.

    As such, we are going to be exploring some of the best games that came with the Oculus Rift, most of which are still available for purchasers and owners of any of the Oculus devices.

    You should bear in mind that whilst the list of free, featured Oculus games are long, there are also other paid-for versions of games available for use with the Oculus.

    We will explore some of the best of these at the end of this section so you get a good idea of exactly what is out there to play on your Oculus Rift or another Oculus model.

    Another thing to bear in mind is the fact that Oculus changes what they make free frequently, and so, whilst it may be included as a freebie for all Oculus Rift users currently, this may not always be the case.

    Without further ado, here are just a handful of the games that are available for free for Oculus Rift users:

    Minecraft – everyone’s favorite open-world game is available to play in VR. It supports all of the same Minecraft features that you know and love and can be played from your existing Windows device if you already have it! Whether you like to play on creative mode or you want something a little more intense, Minecraft has it all. It’s fun for all ages!

    Radical-G: Racing Revolved – this fun racing game is currently free on Oculus Rift and is a must-have for any fans of racing games. You can actually get into the cockpit yourself and race through lots of gut-wrenching racetracks with all sorts of twists, turns, splits, and even jumps! You will feel like you’ve just raced in NASCAR for real!

    Pro Fishing Challenge VR – This VR game looks and feels as though you are fishing out on a lake! This is the perfect immersive experience game for players who love fishing in real life (or anyone who wants to try it) as you get to do all the things you would on a real fishing trip. From reeling to baiting and of course, catching fish, this game has it all!

    PokerStars VR – Play an authentic poker game from the comfort of your own home with PokerStars VR. It will feel as though you are really there, which is even more exciting when you learn the different VR locations you can choose! From a Medieval Castle to The Galaxy Space Station and even a luxurious Monte Carlo Yacht, you can get some simple poker tournaments on the go in whatever location you fancy.

    As well as all of these exciting free games that are included for any owners of the Oculus Rift, there are also a variety of different apps and experiences you can choose from.

    For free you can experience Virtual Space, Epic Roller Coasters, Jurassic World, and Google Earth.

    Remember to keep checking each day, though, as the Oculus store often swaps and changes the different freebies that are available!

    Of course, there are also a number of fabulous games that can be purchased for your Oculus Rift. Of course, these are not included as standard but must be bought from the Oculus Store (there will be more information on how to purchase oculus games in the next section). Some of these fun purchasable games are as follows:

    Asgard’s Wrath

    DiRT Rally 2.0

    BONEWORKS

    Beat Saber

    The Walking Dead: Saints & Sinners

    Creed: Rise To Glory

    SUPERHOT VR

    Onward

    Dead and Buried II

    ….and many more!

    Should Apple Make A Books E

    I’ve been a big fan of the Amazon ecosystem for ebooks and audiobooks for a number of years. I’ve had an Audible subscription off and on since 2008, and I’ve been using some version of a Kindle Paperwhite for the past few years. I actually just pre-ordered the new Kindle Oasis. I’ll be doing a review of it on 9to5Toys in early August. Despite Apple’s attempts with the Apple Books redesign, the Kindle and Audible ecosystem is still the best place to be for book lovers. I’d love to see Apple compete against Amazon with an Apple Book reader.

    Kindle E-ink display

    While the iPad screens are amazing for computing work, an E-ink is a much better reading experience. It’s easier on your eyes for long reading sessions, and it feels more like a real book vs reading on a computer screen. Since it’s summer, poolside and beach reading is on a lot of people’s agendas, and the Kindle again destroys the iPad here. The E-ink displays are better in direct sunlight, and the waterproofing of modern Kindles allows you to take it to the pool without the worry of frying it with a little water. I certainly wouldn’t want to take even an iPad mini to the pool or the beach due to its lack of waterproofing. While the iPad screen is fine for web reading, the E-ink display of the Kindle Paperwhite and the Kindle Oasis just can’t be beaten for book reading.

    Why can’t Apple get into the E-ink display market? They could do head to head with the Kindle Paperwhite, but still, charge a premium ($199?). For customers who want to live in the Apple ecosystem, an Apple Books reader would be a welcome addition to the product line. It could run a modified version of iOS that only has access to Apple Books and Safari Reading list. I would certainly buy one.

    Subscription Audiobook Pricing

    As Zac Hall wrote a few months ago, Apple’s pricing for audiobooks could use some work.

    Apple could upgrade the audiobooks experience in Apple Books without a subscription service, but it might not be interested in investing in the platform without a broader business behind it. The audiobooks player on the iPhone has one of the best Now Playing user interfaces today (landscape support, a clever rewind/forward gesture with the artwork, dark mode), but a lot of the audiobooks experience in Apple Books is otherwise limited.

    Apple is in the business of selling individual digital audiobooks, but it’s hardly a focus for the company. Apply a subscription model to the business and it’s easy to imagine it being more relevant to Apple — especially if it were part of a greater subscription media bundle with ebooks or ebooks plus more.

    Part of Apple’s issue with audiobooks is that they are selling Audible (owned by Amazon) books. They partnered with Audible years before they were bought by Amazon, but Apple has continued to work with them. Audible’s monthly subscription option is a great value in my opinion. You get 1 credit a month (can buy almost any book), and then you get a 30% discount for any other purchases. They frequently run promotions where the first book of a popular series is $3.95 or so.

    Apple would be wise to start distancing themselves from Audible and begin to take audiobooks seriously as a content source. As with podcasting, listening to audiobooks is something people do on smartphones, so it would make sense for Apple to go all in.

    The elephant in the room: Antitrust against Apple Books

    I’ve heard from sources connected to Apple that they have a lot of ideas on how to make a better experience for Apple Books. The reason they are hesitant (along with the publishers who realize Amazon has way too much control) is the fear of another antitrust case that saw them paying out $400 million dollars to customers. Much like Microsoft’s antitrust worries caused them to walk slowly into mobile (and miss it), Apple also has these same concerns with going all in the ebook and audiobook market. If the publishers are seen working directly with Apple (and against Amazon), it could be reason enough to re-open the case. Of course, the current political climate might make Apple’s chances of avoiding it likely as President Trump is not a fan of Amazon’s CEO Jeff Bezos (who also owns the Washington Post), where he has frequently met with Tim Cook.

    Wrap Up on Apple Books Reader

    Overall, I’d love to see Apple expand its hardware line with an E-ink Apple Books reader, expand their audiobook pricing options, and compete directly with Amazon. Currently, it’s estimated that Amazon has a 84% market share in the US. While the Kindle hardware is great, their software is very much average. I’d love to see Amazon have a competitor who understands user experience. Books aren’t going anywhere, and like TV, is a market Apple needs to compete in.

    Would you buy an Apple Book E-ink book reader? Where do you buy your books now (and why)?

    Photo by James Tarbotton on Unsplash

    FTC: We use income earning auto affiliate links. More.

    Rogers Wireless Acer Liquid E Review

    Rogers Wireless Acer Liquid E Review

    Your eyes do not deceive you; the Liquid E looks identical to the original Acer Liquid, the company’s first attempt at an Android smartphone. That’s because the key change is on the inside: the underclocked Snapdragon processor – running at 768MHz rather than the more usual 1GHz – now gets to play with Android 2.1 rather than the 1.6 of its predecessor. The first Liquid never really managed to lift its head above the rest of the smartphone crowd; will the Rogers Wireless Acer Liquid E fare better? Check out the full SlashGear review after the cut.

    The OS may be different, but otherwise much of the Liquid E we’ve seen before. You still get is a 3.5-inch WVGA capacitive touchscreen, 5-megapixel autofocus camera (though lacking an LED flash), quadband GSM and triband 900/1900/2100 UMTS/HSPA. There’s also WiFi b/g, Bluetooth 2.0 and an FM radio, along with a microSD card slot, 3.5mm headphone socket and A-GPS.

    At 4.53 x 2.46 x 0.49 inches it’s not the slimmest Android phone, and there are a few creaks if you squeeze the plastic casing too hard, but generally build quality feels reasonable and it’s surprisingly lightweight. The touch-sensitive keys underneath the display are responsive, while the power, volume and camera keys are tactile; we wish Acer hadn’t hidden their USB 2.0 port under an annoying little flap, however. Oft-overlooked but brilliant are the hidden LED icons integrated into the top edge of the Liquid E, which allow you to peer at the phone in your pocket and see whether you have new messages.

    Despite the underclocked processor the Liquid E is reasonably swift in its navigation, helped no doubt by being a pretty much stock build of Android 2.1. That means you get the regular Android widgets and Live Wallpapers, but no complex widgets like HTC Sense or Motorola MOTOBLUR might offer. On the flip side, should Acer decide to publicly commit to an Android 2.2 Froyo upgrade, that should be a quick process; we’ve already seen unofficial Froyo ROMs for the phone.

    Acer Liquid E hands-on:

    [vms f22df63d3344ad89919c]

    Acer’s few personalisations basically amount to some preloaded software, itself of varying use. A custom Acer Settings page offers shortcuts to toggling wireless – 3G, WiFi, GPS, etc – and adjusting ringtones and backlighting, while there’s a JavaME app allowing you to play downloaded Java apps like mini-games. More useful are Documents To Go and RoadSync, for opening and editing Office files and for integrating with an Exchange server respectively. The latter is particularly handy; although Android 2.1 brought better Exchange support than previous versions, it still lacked niceties like server searches, calendar sync and peak/off-peak push-email scheduling.

    The quality of those snaps varies depending on the lighting conditions, and without an LED flash – which, to be fair, often aren’t much cop either – you’ll want to look elsewhere if low-light photography is your priority. Images can be on the oversaturated side, and look a little over-sharpened at times. What’s significantly improved is the camera’s speed: unlike the laggy first-gen version of the phone, the Liquid E’s autofocus snaps in quickly, and photos are saved shortly after. We don’t know if that’s down to Google’s updated OS or something Acer themselves have done, but either way we’re pleased. That autofocus speed carries over into the camcorder function, though with resolution maxing out at 640 x 480 VGA the Liquid E falls well short of the 720p HD recording we’re seeing on rival devices. Image quality is on the gritty side, especially when played – via Media Server – on a bigger display.

    Otherwise, this is Android 2.1 as it comes, which means you get Google’s regular Gmail, Google Maps (with turn-by-turn Navigation functionality) and YouTube apps, along with the Webkit-based browser. The latter supports multitouch pinch-zooming but not Flash or even Flash Lite. Still, pages render swiftly and pan with little lag or judder. The Android Market lacks the bulk of Apple’s App Store, but there are some gems to be found.

    Acer’s justification for underclocking the CPU was to ensure healthy battery life, and we’ve been reasonably impressed by the Liquid E’s longevity. Quoted runtimes are up to 5hrs of talktime or 400hrs of standby, and we managed to get through a full day of normal use (with push email turned on) between charges. Call quality is decent, with the speakerphone sounding crisp if lacking a little in top-end loudness.

    In comparison to devices like the EVO 4G, the Nexus One and other high-end Android smartphones, the Acer Liquid E feels a little underwhelming. Still, it’s priced to move: $49.99 on a new Rogers Wireless contract (albeit with a lengthy three year agreement). That budget pricing goes a long way in offsetting any criticisms; all we need now is a public commitment from Acer to push out updated Android OS versions in a timely manner.

    Update: Acer have been in contact to say that they do indeed plan to release an update to Android 2.2 “before the end of the year”.

    Update the detailed information about Come Ottenere Abbonati Youtube Gratis (E Senza Trucchi!) on the Tai-facebook.edu.vn website. We hope the article's content will meet your needs, and we will regularly update the information to provide you with the fastest and most accurate information. Have a great day!